Servizi

 
Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.

 
Statistiche
Visite: 91467

MotdBenvenuti sul sito dell'Associazione politico-culturale ARCI-Biblioteca di Sarajevo fondata a Maglie (LE) nel 2001 con lo scopo di aprire un luogo dove sia possibile il confronto, l'approfondimento e l'analisi delle questioni che riguardano principalmente il territorio salentino. I fondatori, convinti che la cultura debba essere un “luogo” di incontro di persone, idee, religioni, sentimenti diversi, prendendo spunto dal testo della canzone Cupe vampe dei CSI (Consorzio Suonatori Indipendenti), decisero di ricordare il rogo della Biblioteca Nazionale di Sarajevo avvenuta nella notte tra il 25 e il 26 agosto del 1992 dalle forze assedianti quella città. La biblioteca era il luogo che più di altri rappresentava l'integrazione culturale e multietnica di cui Sarajevo era stata un modello fino alla guerra civile jugoslava e alla pulizia etnica che vide coinvolta, a fasi alterne, tutta la popolazione cittadina a prescindere dalle origini. La sua ricostruzione rappresenta, oltre che la rinascita di un'importante istituzione culturale, il ritorno al dialogo e all'integrazione dei popoli non solo di quella regione. Quindi si decise di intitolare la costituenda associazione alla Biblioteca di Sarajevo quale simbolo della capacità unificante della cultura. Ci occupiamo di temi relativi ai diritti, all'ambiente e alla legalità. Il Presidente in carica è Giancarlo COSTA CESARI. Contatti: presidente@bibliotecadisarajevo.it 334-6397623 pagina facebook Biblioteca Di Sarajevo

1-10-2018: Apertura campagna di tesseramento

Argomento: ../nonews
uploaded_image


Biblionaute e biblionauti,
il 30 settembre si è concluso l’anno sociale che ha visto l’insediamento degli Organi dirigenti in carica e che ha registrato dei momenti importanti per la nostra Associazione: ricordo qui l’avvio del Gruppo di Acquisto Solidale, il percorso di studio su Salvatore Toma nell’ambito della Convenzione stipulata con L’Alca, l’impegno all’interno del Coordinamento Tutela del Territorio Magliese per quanto attiene alla questione dell’approdo TAP a San Foca, collaborazione con le Associazioni “Bud Powell” e “Scatola di latta” durante il Maglie Jazz Summer Festival con Poesia in Jazz.
Quelle di cui sopra sono solo alcune delle iniziative svolte, molte altre sono state portate a termine grazie al contributo e all’impegno di tanti di voi. Sicuramente possiamo dire che in questi ultimi 12 mesi abbiamo visto aumentare, non solo il numero degli iscritti, ma la partecipazione attiva di nuove leve che ha portato a sviluppare quelle collaborazioni che ci eravamo proposto durante l’ultima assemblea.
Come saprete il 1 ottobre è partito il nuovo anno sociale per il quale il Direttivo vuole proseguire sulla strada intrapresa e per grandi linee cerco qui di riassumere il programma pensato per il nostro 18° anno di attività:
- “Viaggio della carrozza-Epopea”. Percorso poetico per incontrare autori contemporanei e non in un viaggio lento in cui sviluppare conoscenza e riflessione, anche in collaborazione con altri Circoli ARCI della provincia
- “Girolamo Comi e le sue opere”. Percorso di studio da presentare nella convenzione con L’Alca in continuità con il lavoro su Salvatore Toma
- “La teologia della liberazione durante il papato di Francesco I”. Serie di incontri per approfondire le questioni non solo teologiche ma anche geo-politiche emerse con l’elezione di Papa Bergoglio
- “Gruppo di acquisto solidale”. Sviluppo delle attività con particolare attenzione al tema della democrazia partecipata, tema emerso anche durante il dibattito No Tap riguardo alla produzione energetica diffusa e condivisa nelle collettività. Su questo punto vogliamo coinvolgere coloro, come gli Ambientalisti Anonimi, che con le proprie azioni sono esempio di partecipazione democratica alla salvaguardia del territorio.
Questi i punti più impegnativi del nostro programma ma numerose sono le proposte che continuamente ci vengono presentate e che insieme a tutti gli iscritti ed i simpatizzanti vorremmo realizzare.
Pertanto non fate mancare il vostro prezioso contributo e partecipate attivamente alla vita associativa.
In questo periodo di veleni fascistoidi l’essere socio ARCI ed aderire a Maglie alla “Biblioteca di Sarajevo” acquista ancora più valore!

Maglie, 1 ottobre 2018

Il Presidente - Giancarlo COSTA CESARI
presidente@bibliotecadisarajevo.it
Postato Domenica 14 Ottobre 2018 - 09:21 (letto 356 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (118) Print Stampa

Poesia in Jazz all’interno di Maglie Jazz Summer Festival

Argomento: ../nonews
uploaded_image

Qui di seguito indichiamo gli eventi della rassegna “Poesia in Jazz” organizzata in collaborazione con le Associazioni “Bud Powell” e “Scatola di latta”.
Anche in questa occasione ARCI-Biblioteca di Sarajevo porta avanti il suo progetto “Maglie - città della poesia” con il quale si vogliono coinvolgere altre realtà del tessuto associativo del territorio in un percorso poetico di riqualificazione culturale.
Il programma completo del Maglie Jazz Summer Festival lo trovate al link http://www.magliejazzsummerschool.it/programma-corsi/

Martedì 28 agosto
20:00 Poesia in Jazz - Viaggio sulla carrozza-Epopea - a cura di Elisa Dell'Anna e “ARCI-Biblioteca di Sarajevo”
Presentazione ufficiale del percorso poetico dedicato a Girolamo Comi tra pittura, musica e poesia – con Giancarlo Costa Cesari ed il M° Donatello Pisanello che presenterà i suoi dipinti esposti nelle vetrine che si affacciano sulla piazzetta con musica spontanea e libere improvvisazioni presso Piazzetta Caduti di Via Fani
21:00 Poesia in Jazz – Aquile d’Albania - a cura di “ARCI-Biblioteca di Sarajevo”
Spettacolo teatrale di e con l’attrice Paola Crisostomo liberamente ispirato all’opera e alla vita del poeta magliese Salvatore Toma. Musica a cura di Fabrizio Nuzzo (percussioni), Gabriele Toma (pianoforte), Fabio Moschettini (chitarra) presso Piazzetta Caduti di Via Fani
Mercoledì 29 agosto
20:00 Poesia in Jazz – Sillabe di luce - a cura di Elisa Dell’Anna e “ARCI-Biblioteca di Sarajevo”
Incontro con Daniela Liviello e Gaia Giovagnoli due poetesse che daranno voce alla loro poesia attraverso letture e dialoghi insieme a Giuliana Coppola. Musica a cura di Angelo Urso (contrabbasso), Matteo Maria Maglio (contrabbasso), Andrea Esperti (contrabbasso) presso Piazzetta Caduti di Via Fani
Giovedì 30 agosto
20:00 Poesia in Jazz – Incursione musico-letteraria - a cura di Tina Cesari e “Scatola di Latta” e con interventi jazz dell’Associazione “Bud Powell”
Passeggiata nel cuore della città partendo dalla Stazione Ferroviaria con il seguente programma
Ore 20:00 partenza dalla Piazzetta Stazione (declamazione poesie)

Attraverso Via Regina Margherita si raggiunge la Chiesa della Madonna delle Grazie (visita guidata)

Piazza Madonna delle Grazie, Via Pellai, Via Roma

Via Giannotta, Via Foggiari, Frantoio ipogeo (visita e letture)

Via Foggiari, Via Giannotta, Via Giulio De Giuseppe (sosta al laboratorio di Giuseppe De Pascalis)

Via Orfanotrofio, Via Cezzi, Via Roma

Via Ospedale con sosta nei locali dei “Feudi di Maglie” (visita e letture)

Via Ignazio Ricci, Via Oronzo De Donno: sosta presso Palazzo Casatello (visita e letture)

Via Oronzo De Donno, Piazza mercato coperto, Via Toma Nuzzichi, Via Ignazio Ricci, Via Sant’Antonio Abate, Via Trento e Trieste

Via Trento e Trieste: sosta alla casa natale di Salvatore Toma (letture)

Via Trento e Trieste, Vico Paolo Fontana, Corte dei Granai, Via Lama, Piazzetta Caduta di Via Fani (letture).

www.magliejazzsummerschool.it/programma-corsi
Postato Venerdi 17 Agosto 2018 - 12:56 (letto 700 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (178) Print Stampa

28 agosto-2 settembre 2018: Maglie Jazz Summer Festival

Argomento: ../nonews𝗠𝗮𝗴𝗹𝗶𝗲 𝗝𝗮𝘇𝘇 𝗦𝘂𝗺𝗺𝗲𝗿 𝗙𝗲𝘀𝘁𝗶𝘃𝗮𝗹 è una settimana di jam session, concerti e incontri e nasce dall'officina creativa della 𝗦𝘂𝗺𝗺𝗲𝗿 𝗦𝗰𝗵𝗼𝗼𝗹, in cui i musicisti sperimentano una full-immersion nel mondo del Jazz affiancati da docenti di fama internazionale.

𝗠𝗮𝗴𝗹𝗶𝗲 𝗝𝗮𝘇𝘇 𝗦𝘂𝗺𝗺𝗲𝗿 𝗙𝗲𝘀𝘁𝗶𝘃𝗮𝗹 è un modo di intendere la musica e la professione di musicista. Un modo di operare sul territorio coinvolgendo aziende, associazioni, privati e istituzioni. Un modo di rapportarsi al tessuto sociale per rigenerarlo.

Sotto la direzione artistica del M° Francesco Negro e realizzato dall’𝗔𝘀𝘀𝗼𝗰𝗶𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗖𝘂𝗹𝘁𝘂𝗿𝗮𝗹𝗲 𝗝𝗮𝘇𝘇 “𝗕𝘂𝗱 𝗣𝗼𝘄𝗲𝗹𝗹” di Maglie, il Festival non sarebbe nato senza gli influssi di una lunga tradizione jazzistica magliese. Il suo scopo è saldare due debiti: quello del Jazz con il territorio e quello del territorio con il Jazz.

𝗗𝗮𝗹 𝟮𝟴 𝗔𝗴𝗼𝘀𝘁𝗼 𝗮𝗹 𝟮 𝗦𝗲𝘁𝘁𝗲𝗺𝗯𝗿𝗲 si terranno Jam Session e Concerti a cura di Bud Powell - Associazione culturale jazz, in cui si esibiranno tantissimi musicisti provenienti da tutta Italia, partecipanti alla Maglie Jazz Summer School, musicisti di fama nazionale ed internazionale quali Greg Burk, Marcello Allulli, Paola ARNESANO, Matteo Bortone Music, Ermanno Baron, Francesco Diodati, Gabriele Di Franco, Giancarlo Nino Locatelli, Angelo Urso; inoltre ci saranno incontri di Poesia in Jazz, a cura della Biblioteca Di Sarajevo e la mostra del pittore Donatello Pisanello; un'incursione musico letteraria nel cuore di Maglie a cura di Tina Cesari e La Scatola di Latta; tavola rotonda con la partecipazione di musicisti e artisti in collaborazione con Garrage76; degustazioni guidate a cura di Candido Vini, Cantine Menhir e Cioccolato Maglio.

Non mancheranno eventi fuori dalle righe e sperimentali, come l'esibizione di 𝗦𝗼𝘂𝗻𝗱𝗽𝗮𝗶𝗻𝘁𝗶𝗻𝗴 (tecnica di improvvisazione collettiva multidisciplinare) in cui Suono e Colore permetteranno agli artisti di esprimersi in tempo reale sulla comune tela del Silenzio.
Lo spirito di condivisione e incontro animerà la città di Maglie nelle sue suggestive location del Liceo Statale F. Capece MAGLIE (LE) e della Villa Tamborrino - Maglie.

Col patrocinio di: Liceo Statale F. Capece MAGLIE (LE), Comune di Maglie, Provincia di Lecce, Conservatorio di Musica "Tito Schipa"- Lecce, Koninklijk Conservatorium Brussel

Partner: Cioccolato Maglio, Aci Maglie, Sara Assicurazioni S.p.A., Circolo Tennis Maglie, Barocco SpA, Menhir Salento, Candido Vini.

Con la partecipazione di: Biblioteca Di Sarajevo, La Scatola di Latta, Garrage76.

Per informazioni più dettagliate sugli eventi del #MaglieJazzSummerFestival:



www.magliejazz.it
www.magliejazzsummerschool.it
Postato Giovedi 09 Agosto 2018 - 11:33 (letto 286 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (29) Print Stampa

30-7-2018: I racconti di un ulivo secolare - Secondo volume

Argomento: ../nonews

uploaded_image

ARCI-Biblioteca di Sarajevo e Fondazione F. Capece continuano la loro collaborazione approfondendo aspetti della storia del nostro territorio che non sempre hanno ricevuto la giusta attenzione.
Dopo gli incontri con Salvatore Coppola sul movimento contadino nel magliese e sulle proteste in cui furono protagoniste le donne del Salento che chiedevano pane e pace durante il primo conflitto mondiale, i due sodalizi presentano

“I racconti di un ulivo secolare – secondo volume”
di Sergio Pedio

Questa è la seconda pubblicazione di una ricerca sulla popolazione murese dal XVII secolo fino ai nostri giorni. I nostri antenati, nonni e nonne, padri e madri, raccontati da un cadente ulivo secolare.
In modo completamente originale, l’autore illustra la storia di Muro Leccese contestualizzata in quella dell’Italia attraverso i secoli. Infatti i racconti, molto spesso di fantasia, sono lo strumento con il quale Pedio mette in risalto la quotidianità del borgo e delle sue “masse silenziose" cioè di tutti coloro che raramente hanno avuto la possibilità di far sentire la loro voce e le loro ragioni. Una storia "marginale", ma impossibile da dimenticare perché è la storia di noi tutti!
Questa volta il periodo in esame va dai primi decenni del 1800 fino alla fine della seconda guerra mondiale e fotografa come erano vissute le vicende dell'unita' d'Italia, del Brigantaggio, delle lotte contadine, del fascismo e dell’antifascismo a Muro Leccese e nel Salento.
Sergio Pedio (1960), laureato in Filosofia e professore di Geografia Economica e Turistica, ha pubblicato diversi saggi e romanzi di storia e tradizioni locali, tra cui "Liborio Riccio" (2005), "Quannu a Muru a taranta pizzicava e caruse" (2007), "Il calcio a Muro Leccese" (2008), "Morsi dalla taranta" (2009), "Leggi elettorali e amministratori locali a Muro Leccese" (2012).
L’autore dialogherà con Elena Tamborrino e l’incontro sarà accompagnato dalle letture di Gianni Pellizzari
L’appuntamento è presso la Galleria Capece lunedì 30 luglio 2018 alle ore 20,00, la cittadinanza è invitata a partecipare.
Postato Venerdi 27 Luglio 2018 - 08:46 (letto 1534 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (215) Print Stampa

22-6-2018: Matrimonio siriano - Giornata mondiale del rifugiato

Argomento: ../nonews
uploaded_image


In occasione della Giornata mondiale del Rifugiato le cooperative sociali Polvere di Stelle e Atuttotenda, in collaborazione con ARCI-Biblioteca di Sarajevo, organizzano un incontro con Laura Tangherlini giornalista RAI ed autrice del libro "Matrimonio Siriano". Dialogheranno con lei Maria Carmela Spagnolo (Atuttotenda) e Domenico Marti (Polvere di Stelle).
Laura Tangherlini ha trasformato il suo matrimonio in un atto d'amore per la Siria e da questo vogliamo partire per aprire una riflessione ed un approfondimento su quanto sta avvenendo in quel Paese ed in tutta l'area.
L'appuntamento è per venerdì 22 giugno 2018 alle ore 20,00 presso la Libreria Universal di Maglie.
Postato Martedi 19 Giugno 2018 - 16:15 (letto 2083 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (1641) Print Stampa

6-6-2018: Non uccidere il coraggio

Argomento: ../nonews
uploaded_image


MERCOLEDì 6 GIUGNO 2018 ORE 19
PRESSO IL CIRCOLO ALETEIA di CORGLIANO D' OTRANTO
L’ASSOCIAZIONE ARCI-BIBLIOTECA DI SARAJEVO ED IL CIRCOLO "ALETEIA" PRESENTANO IL ROMANZO
"NON UCCIDERE IL CORAGGIO"
di Antonia OCCHILUPO

Dialogano con l'Autrice: Maria Antonietta Sfiligoi per Circolo Aleteia, e Anna Maria Mangia per Arci-Biblioteca di Sarajevo.
Alcuni brani del libro saranno letti da Daniela Tamborino ed accompagnati dagli interventi musicali di Claudia Giannotta, Rocco Giangreco, Luigi Panico, e Antonio Corsano

*****************************

Proseguendo nel percorso "Autori.territorio", la Associazione ARCI-Biblioteca di Sarajevo di Maglie insieme al Circolo Aleteia di Corigliano d' Otranto incontra un’autrice salentina ormai al suo terzo romanzo : Antonia Occhilupo.
Nata ad Acquarica del Capo nel 1955, medico chirurgo, psichiatra e psicologa. la Occhilupo, dopo aver studiato e vissuto a Padova e Firenze,vive da molti anni a Lecce , dove ha svolto l’attività di psichiatra presso il Centro di Salute Mentale e di Consulente Tecnico d’Ufficio presso il Tribunale di Lecce.
"Non Uccidere il coraggio" è prima di tutto un viaggio nella memoria del Salento dagli anni 50 fino ad oggi; è un caleidoscopio di ricordi e aneddoti essenziali nel dipanarsi dell’intreccio narrativo, costruito su flashback che rievocano l’autenticità della vita contadina di un tempo e i momenti storici che hanno cambiato il modus vivendi del profondo Sud.
Ma il libro è anche un inno alla vita e alla forza femminile.
La protagonista, Nella, è al centro di una famiglia in gran parte composta da donne; trascorre l’infanzia e l’adolescenza a Ruggiano, una piccola frazione di Salve, nel Salento.
Il suo percorso esistenziale è segnato find a giovanissima dalla malattia, ma anche dal coraggio-mai sopito o "ucciso" - con cui Nella la affronta e la supera, facendo in modo da non precludersi niente, neppure la maternità che le sarebbe invece negata dalle conseguenze delle cure subite.
Il motto "Scegli la vita sempre” di sua nonna, e quel “Fatti coraggio” che le ripeteva la madre, la sostengono nelle situazioni più dure e le permettono di creare e donare la vita anche nei momenti più bui.
Un libro che ci porta ad attingere alle forti radici di una sapienza contadina ancora vicina e vitale , e ad interrogarci sul senso profondo di quei valori nella società e nella civiltà di oggi.
Postato Martedi 19 Giugno 2018 - 16:13 (letto 205 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa

31-5-2018: Pane!...Pace! il grido di protesta delle donne salentine negli anni della Grande Guerra

Argomento: ../nonews
uploaded_image


Nel centenario della fine della Prima Guerra Mondiale e a pochi giorni dalle celebrazioni del 2 Giugno – Festa della Repubblica, le Associazioni ARCI-Biblioteca di Sarajevo, Centro Italiano Femminile, Fidapa Sezione Terra d’Otranto, Società di Storia Patria per la Puglia - Sezione del Basso Salento e Fondazione Capece organizzano per il 31 maggio alle ore 19,00 presso la Galleria Capece, in Piazza Aldo Moro a Maglie, la presentazione del libro di Salvatore Coppola

“PANE! …PACE! Il grido di protesta delle donne salentine negli anni della Grande Guerra”

L’autore dialogherà con Maria Rosaria De Lumè su un argomento non sempre trattato nei libri di storia che parlano del primo conflitto mondiale. Se tanto si è detto di quanto accadeva sul fronte bellico, poco si è scritto finora delle esperienze e delle storie di chi a Sud, prevalentemente donne, rimaneva a casa vedendo partire mariti, figli, fratelli con la paura di non rivederne il ritorno.
Coppola, storico molto attento ai movimenti sociali e sindacali del Salento, con questo lavoro non solo analizza la vita quotidiana nel Salento di quegli anni ma approfondisce la presa di coscienza delle donne che con il loro ruolo avviarono, anche da noi, il lungo percorso di emancipazione femminile.
Già dal titolo del testo, edito da Giorgiani, si mette in luce una storia poco approfondita che vede le donne del proletariato contadino protagoniste di rivolte contro tutto ciò che era legato alla guerra, ma non solo. Infatti in quegli anni di conflitto bellico furono loro che condussero in molte piazze salentine vere e proprie azioni di guerriglia, come documentato in tanti atti processuali dell’epoca, protestando contro i ritardi dei pagamenti dei sussidi destinati ai familiari dei richiamati, contro la penuria alimentare e contro abusi di qualunque genere. Una vera e propria rivolta sociale che sorprese le classi dirigenti, allora tutte maschili, che non volevano riconoscere la spontaneità di tali azioni e le consideravano pilotate dalla propaganda disfattista dei socialisti e dei giolittiani.
Partendo dalla ricerca di Coppola gli organizzatori dell’incontro vogliono creare un ponte temporale tra quelle rivendicazioni delle donne del primo ventennio del novecento ed il suffragio universale, ottenuto alla fine della seconda guerra mondiale in occasione del referendum del 2 giugno 1946.
La cittadinanza è invitata a partecipare.
Postato Martedi 19 Giugno 2018 - 16:11 (letto 132 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (1) Print Stampa

11-5-2018: Proposta parco letterario

Argomento: ../nonews
uploaded_image

Egr. Signor Sindaco,
nell’incontro del 2 maggio, che concludeva il percorso di studio su Salvatore Toma, abbiamo anticipato a Lei e al pubblico presente la proposta di creare a Maglie un percorso lungo i luoghi simbolo del poeta magliese identificandoli con delle targhe riportanti dei suoi versi e creando in tal modo un parco letterario.
Il nostro impegno per la rivalorizzazione delle opere del Toma è costante nel tempo ma quest’anno è con viva soddisfazione che abbiamo registrato una piena condivisione sia con la Direzione de L’Alca che con alcune classi dei Licei magliesi.
Il percorso, che ha visto protagonisti “i ragazzi di Toma” brillantemente guidati dalle Professoresse Elena Tamborrino, Tina Cesari e Paola Cillo, ha approfondito, anche grazie ad incontri pubblici, aspetti della poesia tomiana. Particolare attenzione è stata posta proprio ai luoghi che hanno ispirato il poeta, ricordiamo la vista al Bosco delle Ciancole che per l’occasione è stato gentilmente aperto dal proprietario Dott. Marco Candido e la deposizione di bigliettini riportanti i suoi versi che i ragazzi hanno effettuato lungo le strade che collegano il Liceo Capece e la Biblioteca Comunale, luoghi che hanno rappresentato il fulcro della sua formazione.
Nel 2004 la classe III D della Scuola Media “S. Panareo”, nell’ambito del concorso “Una biblioteca per un’idea”, indicò proprio in Salvatore Toma il personaggio a cui intitolare il giardino pubblico sito in Piazza Ettore Negro precedentemente recuperato grazie a nostri interventi.
Nella data odierna, anniversario della nascita del nostro artista, ci piace creare un ponte temporale tra gli interessi che lo studio di Toma ha fatto nascere nelle varie generazioni. E’ per questo che scegliamo questa data per ufficializzare la nostra proposta tesa a far divenire Maglie “Città della poesia”.
Inviamo la presente alle Associazioni cittadine e agli Organi di informazione puntando ad una stretta collaborazione tra le varie realtà culturali presenti sul territorio.
La salutiamo cordialmente con l’auspicio di essere convocati a breve in una riunione della Consulta Giovani e Cultura, in cui noi purtroppo questa volta non siamo rappresentati, aperta a tutte le sigle interessate a questa proposta.
Giancarlo COSTA CESARI
334-6397623
Postato Lunedi 14 Maggio 2018 - 18:43 (letto 1110 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (681) Print Stampa

2-5-2018: Il canto dell'aria

Argomento: ../nonews
uploaded_image


l prossimo 2 maggio la Biblioteca comunale di Maglie apre l’evento nazionale de “ il Maggio dei Libri 2018”, promosso dal Centro per la Lettura e per il Libro del MiBACT, con Il canto dell’aria, serata conclusiva del percorso di studio sull’opera del poeta magliese Salvatore Toma, che, in questi primi quattro mesi del 2018, ha visto una fattiva collaborazione tra Biblioteca comunale e Biblioteca di Sarajevo per una proposta didattica nelle Scuole Superiori cittadine, a cui hanno risposto gli studenti di tre classi seconde del Liceo Classico "Francesca Capece", del Liceo Scientifico "Leonardo da Vinci" e del'IISS "Cezzi De Castro-Moro" guidati rispettivamente dalle Professoresse Tina Cesari, Paola Cillo ed Elena Tamborrino.
Il progetto è stato reso possibile grazie ad una Convenzione voluta da l’Alca – Museo e Biblioteca comunali con le associazioni culturali presenti a Maglie e sottoscritta dall'Associazione ARCI-Biblioteca di Sarajevo a gennaio 2017 (Conv. 4/2017), ma soprattutto grazie ad un gruppo di lavoro motivato e spontaneo composto da esperti/studiosi di Toma, docenti e da operatori de l’Alca 1.
Il percorso in classe ha raccolto grande interesse da parte degli allievi che, da gennaio, approfondiscono questa figura poetica, attirando anche l’attenzione della cittadinanza con i “bigliettini e fogli poetici” di Toma, lasciati sul tergicristalli delle auto in sosta, spuntati come foglie nuove sui rami degli alberi, offerti ai passanti e stesi, come bucato fresco di odorose poesie, ne l’Alca di Maglie per tutti coloro che vogliano soffermarsi.
Accanto al lavoro dei Ragazzi di Toma e delle loro appassionate insegnanti di Lettere, aspetti fondanti della poetica di Toma sono stati affrontati il 15 febbraio con Giuliana Coppola in una conferenza sul tema “Salvatore Toma. I luoghi della formazione” e il 16 marzo, dopo la visita al Bosco delle Ciancole, luogo di ispirazione di Toma, Ada Cancelli e Roberto Muci hanno trattato “La vita e la natura in Salvatore Toma” presso la Sala Etnografica de L’Alca.
Il canto dell’aria, il 2 maggio, a partire dalle ore 17.00, chiuderà i lavori 2018 con la presentazione delle produzioni degli Studenti coinvolti e l’approfondimento della figura di Salvatore Toma da parte di un suo affezionato lettore d’eccezione come Mario Desiati2 accompagnato da Carlo Ciardo.
L’Alca– Museo e Biblioteca comunali e ARCI-Biblioteca di Sarajevo ringraziano le tre Dirigenti delle Scuole partecipanti e coloro che con il proprio contributo hanno reso possibile la realizzazione di questo evento.
Postato Martedi 01 Maggio 2018 - 08:43 (letto 1986 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (766) Print Stampa
 
Calendario
Data: 13/11/2018
Ora: 06:13
« Novembre 2018 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

 
Login


:


Non sei ancora registrato?
Registrati ora!
Lingua del sito:
deutsch english español français italiano português

 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 2 ospiti

 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi